Un continuo lavoro di ricerca sulla SIBO ha portato a una nuova comunicazione scientifica di Lombardo Lucio e coll. presentata dal 20 al 24 ottobre 2018, che ha visto la presenza di oltre 15.000 specialisti gastroenterologi provenienti da ogni parte dell’Europa e del Mondo.
In questa ricerca viene confermato l’aumentatato rischio di SIBO dopo trattamento a lungo termine con IPP. Tuttavia la buona notizia è che il numero complessivo di effetti collaterali da SIBO si è ridotto negli ultimi  anni grazie alla consapevolezza e alla conoscenza scientifica divulgata a partire dal 2010 (cfr Lombardo L et al Clinical Gastroenterology and Hepatology 2010,8:504-8) oltre che, verosimilmente, grazie all’azione “restrittiva” operata dal SSN e dagli organi sanitari regionali, per ragioni sia economiche che scientifiche”.
Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
Share
Tagged in